www.benessereintestinale.it www.nervosano.it
 
Antiossidanti: sono più veloci nella lattuga rossa

Antiossidanti: sono più veloci nella lattuga rossa

La lattuga, si sa, fa bene. Ma dall'Università di Pisa arriva un dato scientifico che può aiutare chi fa la spesa: la lattuga rossa è più veloce nel combattere i radicali liberi. Secondo una recente ricerca infatti, più rossa è, più la foglia tipica dell'insalata è ricca di antiossidanti ad azione veloce che reagiscono contro l'invecchiamento cellulare e l'insorgere di numerose malattie.
Segue >>
Alla fonte dell'effetto placebo

Alla fonte dell'effetto placebo

Una revisione di articoli scientifici stilata negli USA dà una scossa a un classico paradigma medico, quello sull'uso dei placebo. Il tutto con un neologismo: “placeboma”. Ossia la rete di geni che, secondo l'ipotesi, rende gli individui più o meno reattivi alle sostanze placebo, molecole ritenute generalmente ad effetto nullo sulla salute dell'organismo. Ma a cui la scienza sta attribuendo un ruolo nella cura della salute più importante di quanto precedentemente ritenuto.
Segue >>
Boom di nascite e caos ospedaliero: non è colpa della luna

Boom di nascite e caos ospedaliero: non è colpa della luna

Una falsa credenza che non trova riscontro scientifico. A smontare la teoria, comune a molti altri fenomeni di salute, i ricercatori della University of California di Los Angeles
Caos al pronto soccorso, aumento degli incidenti stradali e sale parto al collasso. E’ colpa della luna piena, dicevano gli esperti. Una convinzione che, secondo una ricerca degli scientziati americani della University of California, non avrebbe basi scientifiche.
Segue >>
I vegetariani si ammalano meno di cuore

I vegetariani si ammalano meno di cuore

Frutta, verdura, cereali, patate, noci, olio: una dieta ricca di alimenti vegetali riduce la mortalità per malattie cardiache e ictus. A confermare l'effetto positivo di un'alimentazione semi-vegetariana è uno studio appena presentato al meeting dell’American Heart Association (Baltimora, 3-6 marzo 2015) e condotto da epidemiologi dell'Imperial College di Londra.


Segue >>

LOGIN

Hai dimenticato la password? Richiedila!

www.voodoc.it