Sindrome del tunnel carpale: scagionato il PC

La sindrome del tunnel carpale si manifesta con fastidiosi dolori al polso, formicolio alle prime tre dita della mano e riduzione della sensibilità. Tale sindrome è causata dalla compressione del nervo medio nel polso. Una compressione dovuta ad una infiammazione generata nel tunnel carpale, è un tubolare che riveste il nervo e lo protegge nel suo decorso dall'avambraccio alla mano. L'insorgenza della malattia è stata attribuita in molti casi a ripetuti movimenti innaturali per quel nervo.
Sino ad oggi si è sempre pensato che l’uso quotidiano e continuativo di mouse e tastiera fossero fra le principali cause di questa sindrome, ma alcune recenti ricerche però sembrano contraddire il legame tra l’uso del computer e questa patologia cronica.
La certezza ancora non si è raggiunta ma già nel 2001 l'autorevole Mayo Clinic americana ha affermato che la sindrome del tunnel carpale è una patologia che non ha una diretta relazione con l'uso del computer.
La novità è che l'incidenza della sindrome tra gli utenti di computer che passano molte ore al giorno usando il PC non è superiore all'incidenza della malattia che provoca dolori e spasmi a polsi e mani nel complesso della popolazione. Lo studio della Mayo Clinic avrebbe infatti evidenziato che il 10,5% degli "heavy users" sviluppa la sindrome, il che equivale alla percentuale "tipicamente riscontrata" nella popolazione generale, indipendentemente dall'uso del computer.
«Ci saremmo aspettati – ha spiegato il neurologo J. Clarke Stevens della Mayo Clinic e autore dello studio – di trovare una forte incidenza della sindrome del tunnel carpale tra gli utenti più attivi. Generalmente si ritiene che l'uso del computer la provochi».
Stevens si dice comunque convinto della necessità di continuare ad utilizzare interfaccia ergonomiche: «Credo che continuino ad essere molto importanti, perché ci sono molte forme di dolori e problemi che possono emergere nell'uso del computer». E ha anche specificato che il campione di utenti utilizzato per lo studio, neanche 300 persone, va considerato per quello che è: «Quello che stiamo dicendo è che almeno negli addetti che abbiamo sottoposto ad esame, l'uso del computer non è sembrato incrementare il rischio di sindrome del tunnel carpale». Anche per questo Stevens sottolinea l'esigenza di nuovi e più ampi studi che chiariscano definitivamente il problema.
Uno studio più recente condotto da Atroshi I. et al. e pubblicato su Arthritis & Rheumatism ha portato alle stesse conclusioni. Lo studio ha coinvolto 2465 soggetti in età lavorativa e, inaspettatamente, in coloro che utilizzavano la tastiera più di 4 ore al giorno la prevalenza di STC è risultata pari al 2,6%, valore che è salito al 2,9% per i soggetti che lavoravano al PC da 1 a 4 ore al giorno, e al 4,9% in coloro che usavano la tastiera meno di 1 ora al giorno o non la utilizzavano affatto.
 


Bibliografia
Atroshi I., Gummersson C., Ornstein E. et al. Carpal tunnel syndrome and keyboard use at work: a population-based study. Arthritis Rheum. 2007 Nov;56(11):3620-5.


🕑